29.7.05

La Raccomandata Online

Avrete sicuramente sentito in questi giorni la notizia della nascità del servizio di Poste Italiane che permette di inviare delle raccomandate online direttamente dal proprio pc.



Questo è possibile anche grazie ad un plug-in rilasciato da Poste.it per la suite Microsoft Office, ed proprio questo il punto. Se io fossi un utente Linux? Se addirittura io fossi un Windows che preferisce utilizzare Open Office od altri prodotti gratuiti? Devo obbligatoriamente acquistare la suite di Microsoft per usufruire di questo servizio direttamente da Desktop?

Ma non è tutto, anzi è niente. Quasi tutte le maggiori fonti d'informazione italiane hanno parlato di questo servizio solo ed esclusivamente in relazione al plug-in per Microsoft Office, definendo l'applicazione addirittura indispensabile e l'operazione possibile solo grazie a Microsoft Italia, quando invece non è assolutamente cosi.Nella pagina dedicata di Poste.it il plug-in viene presentato unicamente come un alternativa, poiche infatti è solo ciò, un alternativa.

Questo fa riflettere, l'informazione è una realtà facilmente manipolabile che può influire sulle azioni delle persone, ed ecco che sfruttata bene può regalare pubblicità, magari involontariamente, da parte di chi la fornisce. C'è da aggiungere che molte volte l'incompenteza di alcuni giornalisti per quanto riguarda l'editoria multimediale è parecchia, troppa.

1 Commenti:

At 30/7/05 1:09 PM, Anonymous Zizio said...

Su questo argomento mi trovi molto sensibile e indignato. Speravo di trovare qualcun'altro che parlasse di questo servizio in tale modo e sono contento di averlo trovato. :)

 

Posta un commento

<< Home