8.5.05

Il delirio di AN e del Corriere

Corriere della Sera: Sms-trappola, e i cellulari di An vanno in tilt.

"Maurizio Saia che, seduto sul divano del Transatlantico di Montecitorio, spiega l'accaduto: «È cominciato tutto martedì. Improvvisamente è comiciata ad arrivare attraverso il sistema bluetooth una raffica di sms con mittente Cari.be tra i banchi di An in Aula"

Premettendo che trattasi del virus Cabir:

1) Il virus non si diffonde tramite SMS bensi tramite MMS
2) Non è "Cari.be" ma "Caribe", che tra l'altro non è il mittente del messaggio bensi l'oggetto, il mittente di solito è un valore numerico... in pratica il file, non utilizzando il cellulare e svolazzando nell'ambiente, si sarebbe inviato da solo con una tecnologia sconosciuta alla scienza umana.

"All'inizio, spiega Saia, «abbiamo avuto la prontezza di evitare la trappola evitando di aprire l'sms. Poi siamo caduti nel tranello che ha mandato in tilt il cellulare quando sull'sms c'era scritto: "vuoi accettare il messaggio di Alleanza nazionale"

Questa frase è senza senso, prima non aprono l'sms (che ripeto sarebbe l'mms), poi dopo sono "caduti nel tranello che ha mandato in tilt il cellulare quando sull'sms c'era scritto: "vuoi accettare il messaggio di Alleanza nazionale".

Allora l'avete aperto l'sms? E poi se l'avete gia aperto l'sms che messaggio dovete accettare? Tralasciando che è impossibile accettare un messaggio, per essere infettati bisogna accettare volontariamente l'installazione del software che viene inviato con l'mms.

"Abbiamo chiesto in giro ai colleghi di Forza Italia, Margherita e Ds se per caso avessero ricevuto gli stessi sms infetti, ma niente. A quel punto abbiamo pensato ad un attacco telematico mirato, visto che per infettare un cellulare tramite bluetooth bisogna puntare un telefonino nel raggio di pochi metri e che si tratta, quindi, di un episodio che si è verificato all'interno del palazzo»."

Non si tratta di un episodio avvenuto necessariamente all'interno del palazzo, poichè può essere arrivato anche dal pakistan il virus, visto che si invia da solo e può viaggiare per km e km attraverso migliaia di cellulari, chi è infetto non ha nessuna colpa se non quella di avere il bluetooth attivato.

"Secondo esperti di comunicazioni interpellati a tal proposito, però, la caccia al colpevole potrebbe essere infruttuosa e nulla avere a che fare con una burla architettata ad arte per colpire in massa tutti i deputati di An."

Non potrebbe, ma non è assolutamente una burla architettata ad arte per colpire in massa tutti i deputati di An, per quanto spiegato prima.

"I tecnici spiegano, infatti, che il virus in questione targato Cari.be e che infetta i Nokia serie 60 e quelli che utilizzano il sistema operativo Symbian"

Si tratta del virus Cabir! Peccato poi che la "Serie 60" è la piattaforma Symbian utlizzata per gli smarphone, non solo una catena di prodotti Nokia. Si possono conoscere questi tecnici?

"Una volta annidatosi in un cellulare clona se stesso in tutti i telefonini i cui numeri sono contenuti nella rubrica, inviando a sua volta un sms con la scritta Cari.be. In altre parole la cellula impazzita che ha contagiato e mandato praticamente fuori uso tutti i cellulari dei deputati aennini potrebbe essere partita dal Nokia di un solo parlamentare di An che a sua volta e, a sua insaputa, ha infettato i telefoni dei suoi colleghi"

Questo è il riassunto di tutte le castronerie citate prima. Siamo nel 2005, è ancora possibile una cosa del genere?